english













veduta dell'installazione


dettaglio dell'installazione

opening

documento d'archivio
foto di Alberto Callari

Immagini proiettate

Fondazione dell'Archivio

Mario Airò, Ivo Bonacorsi, Mary Brogger, Michael Burns, Mary Ellen Carroll, Paul Chidester, Gianluca Codeghini, Daniela De Lorenzo, Stefano Dugnani, David Dunlap, Jeanne Dunning, Susan Eder, Emilio Fantin, Andrea Fogli, Laurel Fredrickson, Bernardo Giorgi, Kate Glaser, Hossein Golba, Mitchell Kane, Massimo Kaufmann e McManus, Dimitris Kozaris, Jin Lee, Marcello Maloberti, Eva Marisaldi, Liliana Moro, Jennifer Parker, Marco Paternostro, Alessandro Pessoli, Salvatore Falci, Stefano Fontana, Pino Modica, Cesare Pietroiusti, Massimo Poldelmengo, Luca Quartana, Isabel Ronchietto, Bernhard Rüdiger, Laura Ruggeri, Treasure Smith, Tony Tasset, Anna Tassini, Massimo Uberti, Piero Almeoni, Manuela Cirino, Massimo Donzelli, Robeto Marossi, Yamaoka, Alberto Zanazzo, Andrea Zago


una collaborazione fra artisti italiani e americani
a cura di Laurie Palmer e Federica Thiene

sabato 19 ottobre 1991
Il progetto Viafarini nasce per volontà di più persone per facilitare la presentazione del lavoro artistico indipendentemente da considerazioni commerciali.
Viafarini vuole essere uno spazio in Milano destinato all'opera in sé, un luogo dove si presentano lavori e si produce documentazione sulla ricerca artisticaa in Italia e all'estero.
Viafarini vuole raggiungere i suoi obbiettivi, utilizzando la formula associativa come momento di aggregazione fra forze molteplici, con la collaborazione attiva di altri spazi con simili affinità elettive, di istituzioni pubbliche, delle gallerie e dei media.
Viafarini vuole favorire lo scambio d'informazione all'interno del sistema dell'arte tramite un'organizzazione non concorrenziale, vuole stabilire contatti fra diversi luoghi geografici in Italia e all'estero.
Viafarini, attraverso uno scambio anche con il mondo esterno, cerca di potenziare l'ascoltodel messaggio artistico e permettere maggiori confronti a chi ha parte attiva nel progetto.
Viafarini vuole essere un luogo per le relazioni umane, l'informazione e il servizio.
Viafarini dal punto di vista organizzativo opera con i metodi tipici di una galleria, istituzionalmente è un'associazione senza scopo di lucro per fornire un servizio, sia a livello espositivo sia come archivio; il fine è quindi culturale e l'economicità della gestione è uno dei suoi mezzi.
Viafarini è strutturata in due organi: il consiglio per la gestione e l'organizzazione, il comitato per la programmazione. Questo si formerà gradualmente grazie all'attività dell'associazione, sarà un organo pluralistico che si rinnoverà periodicamente. Fino al momento di una sua naturale configurazione e ufficializzazione, l'associazione si avvale delle collaborazioni informali di una pluralità di persone, artisti, critici, gallerie, ecc., vicini allo spirito dell'iniziativa.
Artisti e curatori che portano la loro esperienza personale sono soci onorari, sono ben accette le altre partecipazioni, che proponiamo con modalità diverse di adesione. La partecipazione delle persone interessate all'interno del progetto dipende dalle relative competenze.
In merito all'attività del primo anno dello spazio Viafarini, i progetti sono realizzati secondo due criteri: essere di sicuro interesse, essere finanziariamente autosufficienti.
Idealmente, i criteri di valutazione per la programmazione debbono provenire dagli stessi artisti che attivano lo spazio, così che Viafarini diventi parte di un processo creativo.
Viafarini invita artisti e critici ad organizzare performance, dibattiti, curare esposizioni ed altro. Non si fanno distinzioni in merito all'utilizzo di media differenti, cercando di promuovere la documentazione e la discussione di svariate scelte di impegno artistico.
Viafarini deve beneficiare delle proposte di nuclei artistici diversi e deve rappresentare una larga varietà di interessi estetici.
Per rendere possibile la nascita di Viafarini, la cooperazione tra artisti, critici, galleristi e sostenitori è essenziale.
Si ringrazia per la gradita partecipazioni Art Show, Alberto Callari, Dilmos Milano, Guido Maffezzoni, Clara Mantica, Gian Roberto Marchesi, Proiezione srl, Visionaria srl e tutti coloro che hanno collaborato.


top

last update 14-03-2013