english













Massimo Grimaldi


Francesco Spampinato

Christian Frosi


Massimiliano Buvoli e Riccardo Previdi


Emporio. Parte prima

Alessandra Andrini, Massimiliano Buvoli, Katthy Cavaliere, Simone Cesarini, Damiano Colacito, Marina Fulgeri, Christian Frosi, Tarin Gartner, Massimo Grimaldi, Filippo Leonardi, Andrea Melloni, Davide Minuti, Sandrine Nicoletta, Sonja Porcaro, Riccardo Previdi, Andrea Sala, Francesco Simeti, Francesco Spampinato, Patrizia Tibaldo

a cura di Guido Molinari

14 dicembre 2000 - 26 gennaio 2001

Emporio è la vera alternativa al megastore. Pur nelle dimensioni contenute, è il luogo in cui si presenta tutto ciò che è nuovo. Arriva gente da ogni parte per informarsi sugli stili, i colori, i materiali all'ultima moda, sulle tendenze della prossima stagione.
Emporio è il nuovo progetto di mostre dell'Archivio Careof & Viafarini. Dalla sempre maggior quantità di materiale che continua a pervenire all’ormai noto indirizzo, tre critici hanno selezionato le loro proposte per l'arte di oggi e di domani. Artisti giovanissimi, inediti, oppure già conosciuti, ma non abbastanza, da seguire con attenzione, come sempre non mancano le sorprese.


Nella prima parte, a cura di Guido Molnari, sono in mostra opere che giungono da squarci spalancati sulla realtà del duemila: il banale e lo straordinario sono sottoposti a verifica ed esaminati al microscopio. Durante la permanenza in galleria vi saranno serviti cocktail sensoriali e stimolazioni mentali, con effetti collaterali imprevedibili.

Nell’ambito della mostra saranno visibili diversi orientamenti legati alle ultime tendenze nell’arte contemporanea. Alcuni artisti hanno scelto di confrontarsi con la velocità e l’impatto della comunicazione mass mediale, rielaborando immagini, flussi video da internet oppure allestendo performances estremamente coinvolgenti (F. Spampinato, D. Colacito, F. Simeti, C. Miura e A. Cecchetti). Ma un’altra dimensione preme alla frontiera delle ultime ricerche: in alcune opere appaiono elementi dal sapore neominimalista mescolati con prelievi tratti dalla realtà, in modo tale da provocare alterazioni impreviste (C. Frosi, D. Minuti, R. Previdi, M. Grimaldi, M. Buvoli, A. Melloni, A. Sala, P. Tibaldo, S. Porcaro). L’esplorazione del patrimonio culturale può divenire un’altra area dove stabilire un confronto con la propria soggettività, ecco allora rielaborazioni personalizzate di immagini storicizzate (S. Cesarini). Infine prosegue un’indagine volta a registrare e trasformare delicate componenti emotive contenute nella banalità del quotidiano (A. Andrini, S. Nicoletta, M. Fulgeri, F. Leonardi, T. Gartner, K. Cavaliere).
L’eterogeneità di soluzioni presenti in mostra testimonia il quadro complesso e variegato che costituisce la ricerca artistica contemporanea.


top

last update 2-03-2009